Valle di Gressoney

Aggiornato il: 30/11/2016

Per il ponte dell'Immacolata, Natale e Capodanno cedi al richiamo degli agriturismi nella Valle di Gressoney!


Agli amanti del trekking, dell’escursionismo e dell’alpinismo Italia Agritur consiglia la valle di Gressoney, anche detta valle dei Walser, la porta del Monte Rosa. Più orientale della valli valdostane, quella di Gressoney è anche la più lunga e la più varia di tutte. In alto si allarga il ghiacciaio del Lys, uno dei più estesi del versante italiano delle Alpi. In basso gli ultimi rilievi della valle si affacciano sul mondo ormai tipicamente prealpino delle vallate biellesi, della terra d’Ivrea e delle colline del Canavese.

Tradizionale punto di partenza per salire alle vette del Monte Rosa, la Valle di Gressoney regala una grande varietà di percorsi. Agli itinerari su ghicciaio (da affrontare solo se si è sufficientemente esperti, altrimenti occorre affidarsi a una guida alpina), si affiancano quelli che s’inerpicano nei valloni rocciosi ai piedi della Testa Grigia, del Corno Bianco o del Monte Mars, o le brevi passeggiate tra le case in pietra della bassa valle e le tipiche costruzioni walser della zona più elevata.

Come spesso accade inValle d'Aosta, introno a Weissmatten, al Col d’Olen e al Gabiet, ma anche tra Chemonale e Alpenzù Grande, è possibile camminare piacevolmente lungo itinerari più brevi, adatti alle famiglie con bambini che scelgono di soggiornare presso uno degli agriturismi in provincia di Aosta.

Il fascino della “porta del Monte Rosa” c’è ancora e non riguarda e non riguarda solo i collezionisti delle più alte vette alpine.