Vacanze di capodanno in agriturismo: verso il tutto esaurito

Aggiornato il: 05/04/2011

Sembrano molto buoni i dati delle prenotazioni per il soggiorno o il cenone in agriturismo in occasione delle vacanze di Capodanno.

Secondo un'indagine di Agriturist, la domanda di agriturismo per il periodo di Capodanno (30 dicembre 2010 - 2 gennaio 2011), si presenta in crescita del 24% rispetto all'anno scorso.  Ma la crisi continua a farsi sentire: rispetto all'anno scorso, il 2010 si chiuderà per il comparto agriturismo a -8%, contro il -2,5% dell'intero settore turistico.

Il risultato di Capodanno è sicuramente positivo ed incoraggiante, anche se non sarà sufficiente a determinare una vera inversione di tendenza. Per Capodanno gli agriturismi italiani vanno verso il tutto esaurito ma non dimentichiamo che nei primi nove mesi dell'anno l'agriturismo ha registrato, secondo le stime dell'Osservatorio Nazionale per il Turismo, una flessione media del 10%; poi il maltempo ha penalizzato diversi fine settimana autunnali e il recente ponte dell'Immacolata è stato troppo lungo per incoraggiare gli italiani a partire, vista la difficile condizione economica delle famiglie.

Gli ospiti che hanno già prenotato la loro vacanza saranno in grande maggioranza italiani; gli stranieri, come già nella scorsa estate, si confermano in flessione, soprattutto per quanto riguarda gli inglesi. Le regioni preferite sono: Toscana, Sicilia, Lombardia, Lazio e Veneto.

I prezzi non hanno subito significative variazioni rispetto allo scorso anno.

Punto di forza dell'agriturismo per Capodanno è indubbiamente l'offerta enogastronomica, caratterizzata da una straordinaria varietà di ricette locali, e addirittura familiari, spesso inedite, preparate con abbondante impiego di prodotti propri o tipici della zona. Infatti, è nettamente prevalente la scelta di aziende con ristorante che preparano il tradizionale cenone di San Silvestro, oltre che di soluzioni di ospitalità particolarmente economiche. E' tuttavia crescente anche la domanda di un segmento particolare di agriturismi, realizzati in strutture di charme, più costosi, con accoglienza in edifici storici e servizi diversificati.