Gli agriturismi contano le presenze dopo le feste

Aggiornato il: 11/01/2012

Bilancio tra luci e ombre per gli agriturismi italiani, che dopo le feste di fine anno e il ponte dell'Epifania cercano indicazioni per la prossima stagione turistica.

Secondo Coldiretti, l'agriturismo, soprattutto quello in montagna, ha retto la crisi durante le vacanze natalizie, con oltre 400mila turisti che tra la fine del 2011 e l’inizio del nuovo anno hanno scelto di trascorrere qualche giorno in una struttura agrituristica.

Turismo verde, l'associazione agrituristica della Cia, invece, afferma che per il ponte della Befana si è registrato un calo di presenze del 12 per cento rispetto all'anno precedente. Nelle località di montagna vicine alle stazioni sciistiche e nei ristori agrituristici il calo è stato comunque piu' contenuto.
Di solito l'andamento delle festività natalizie è un termometro della stagione che verrà, quindi anche nel settore agrituristico c'è una sostanziale incertezza sulle stime per il 2012.
Di positivo resta l'amore dei turisti per l'ampia offerta enogastronomica che gli agriturismi sono capaci di proporre e la possibilità di ottimizzare la spesa senza rinunciare alle vacanze.