La mini-guida di Siena pronta all'uso con info utili per il turista

Aggiornato il: 30/04/2016

Regione: Toscana

Famosa in tutto il mondo, Siena e i suoi agriturismi ti aspettano per offrirti un’esperienza davvero unica! In nessuna altra città potrai tuffarti nel Medioevo come a Siena, con il Palio e le 17 Contrade, con i suoi capolavori artistici e un centro storico di inenarrabile bellezza.
Anche per te Siena mette in calendario oltre 600 manifestazioni, spesso di altissimo livello come i festival musicali estivi e le grandi mostre. E come ogni città della Toscana, anche qui l’artigianato e l'enogastronomia sono delle vere e proprie eccellenze da aprrezzare all'interno delle numerosissime botteghe che avrai il piacere di visitare.
Se sei appassionato della cucina toscana, negli agriturismi di Siena ne ritroverai tutte le specialità e potrai apprezzarne il sapore più autentico! Tra i piatti più strettamente tipici della città e dintorni, ti consigliamo di assaggiare i "pici" (una sorta di grossi spaghetti fatti con farina e uova), la pappa al pomodoro, la zuppa di fagioli alla senese, la zuppa di rane, la zuppa di lenticchie con fagiano, la ribollita (minestrone con fagioli e cavoli neri); tra le carni sicuramente meritano il lepre e il cinghiale in agrodolce, il pollo con le olive, e per finire, i favolosi salumi di cinta senese. Un buon pasto non può finire senza dolci tipici, e dunque ecco i ricciarelli, i cavallucci e il panforte. Ovviamente se apprezzi il buon vino, accompagnerai questi piatti con dell'ottimo Chianti o con la Vernaccia di san Gimignano.

Per tutti questi motivi, nel 1995 il centro storico di Siena è stato insignito dall'UNESCO del titolo di Patrimonio dell'Umanità.

Se vuoi scoprire la città in modo diverso, con il trekking urbano puoi! Il trekking urbano è uno sport per tutti perché non richiede un particolare allenamento. È perfetto anche per i bambini, perché come tutte le attività in gruppo rende più divertente l'approccio a una città e in più permette di conoscere le straordinarie bellezze storico-artistiche respirando aria pulita.
Inoltre è una modalità di turismo meno standardizzato che privilegia i panorami, i monumenti meno conosciuti, i luoghi dove si svolge la vita quotidiana dei cittadini. Il trekking urbano fa bene alle città d'arte in quanto è un turismo ecosostenibile che decongestiona i centri monumentali e rallenta i passaggi turistici.
Il Comune di Siena mette a disposizione del turista dei depliant per il trekking urbano in cui la descrizione dei percorsi è così segnalata: bandiera verde per il punto di partenza, bandiera rossa per il punto d’arrivo, un occhio indica i punti panoramici. Ovviamente all’inizio di ogni itinerario sono riportati sinteticamente la lunghezza, le difficoltà dell’itinerario e cosa portare con sé.

Hai la valigia pronta? Bene, gli agriturismi di Siena e provincia ti danno il benvenuto per un soggiorno da ricordare!
Ecco dalla nostra redazione una breve ma utile guida per visitare la città, qui trovi la mappa turistica di Siena

PIAZZA DEL CAMPO

Da sempre il fulcro della vita civile di Siena, presenta un’originale forma a conchiglia e una pavimentazione in cotto. È unica per l’armonia urbanistica e architettonica, testimonianza fra le più alte dello stile medievale toscano. Vi si affacciano monumenti celebri come la Fonte Gaia, opera del 1419 di Jacopo della Quercia, il Palazzo Pubblico, la Torre del Mangia e una serie di antichi palazzi, ornati in parte da merlature e torri.
La Piazza è famosa in tutto il mondo perché ogni anno il 2 luglio e il 16 agosto vi si svolge il Palio, la corsa di cavalli preceduta da un suggestivo corteo storico, che coinvolge tutte le contrade della città.

PALAZZO PUBBLICO E TORRE DEL MANGIA
Simbolo dell’indipendenza e della ricchezza di Siena, è uno dei più importanti esempi di architettura gotica civile d’Italia. Fu eretto tra 1297 e 1310 come sede del Governo dei Nove della Repubblica di Siena. Il corpo centrale è rialzato di un piano rispetto alle due ali laterali, la facciata è ingentilita da due ordini di eleganti trifore, sulla sommità è presente un coronamento merlato di tipo guelfo. L’interno è decorato dai maggiori maestri dell’arte senese, le cui opere sono oggi conservate nel Museo Civico, che è ospitato al primo piano del palazzo. All’estremità del lato sinistro dell’edificio si alza la Torre del Mangia, realizzata nel 1325-48. È alta 88 metri e per salire fino in cima ci sono circa 400 gradini. Il nome curioso deriva dal soprannome di “Mangiaguadagni” dato al suo primo custode.

DUOMO
Capolavoro romanico-gotico, con la caratteristica facciata bicolore bianca e nera opera di Giovanni Pisano, si distingue per il prezioso apparato decorativo sia interno che esterno. Il campanile di struttura romanica fu costruito nel XIII secolo a fasce bianche e nere con sei ordini di finestre. L’interno, di grandiose dimensioni, è a croce latina con tre navate. La pavimentazione è suddivisa in 56 riquadri con scene sacre e profane. Di eccezionale valore artistico è il pulpito marmoreo di Nicola Pisano, a pianta ottagonale, su nove colonne marmoree, che risulta una vera pietra miliare della scultura gotica italiana. Nel Duomo si possono ammirare anche altre opere di grande rilievo eseguite da Donatello, Pinturicchio, Michelangelo.

BATTISTERO
Il Battistero, intitolato a San Giovanni Battista, fa parte del complesso dell’Opera del Duomo e si trova, infatti, sotto la parte absidale del Duomo, ricavato tra gli arconi che sostengono il prolungamento dell’abside. La chiesa fu costruita nel 1316-1325, la facciata è della seconda metà del Trecento, la scalinata di accesso è quattrocentesca. All’interno la vera attrattiva è il fonte battesimale, progettato da Jacopo della Quercia: le statue e i bassorilievi che ornano la vasca esagonale sono opera dello stesso Jacopo della Quercia, di Donatello, di Lorenzo Ghiberti. Le pareti sono ricoperte da un ciclo di affreschi del primo Rinascimento.

BASILICA DI SAN DOMENICO
Legata al culto della santa senese Caterina, la grande basilica di San Domenico fu costruita in forme gotiche tra il 1225 e il 1265. Ampliata nel secolo successivo, ha subito tormentate vicende tra incendi, occupazioni e terremoti, fino ai restauri del 1940-1962 che restituirono alla chiesa l’aspetto originario. È priva di facciata ed è affiancata da un campanile quattrocentesco. L’interno è composto da un’unica grande navata con copertura a capriate e alte bifore. Lungo la parete destra si apre la cappella di Santa Caterina, che custodisce la sacra reliquia della testa della santa e due splendidi capolavori del Sodoma raffiguranti L’estasi di Santa Caterina e la Visione eucaristica.

PINACOTECA NAZIONALE
È situata nei Palazzi Brigidi e Buonsignori. Il primo risale al XIV secolo ed era la residenza della nobile famiglia Pannocchieschi. È chiamato anche casa della Pia perché secondo la tradizione vi avrebbe abitato Pia dei Tolomei. Palazzo Buonsignori, invece, è della prima metà del 1400 e presenta una facciata ispirata alle forme gotiche del Palazzo Pubblico. La Pinacoteca fu inaugurata nel 1932 e raccoglie i capolavori della pittura senese dal XII al XVII secolo. Il nucleo originario della galleria nacque grazie a due eruditi senesi, questa prima raccolta fu poi ampliata e riordinata nel corso dell’Ottocento. Solo per citare gli artisti più famosi, troviamo opere di Simone Martini, Duccio di Buoninsegna, Ambrogio e Piero Lorenzetti, Pinturicchio e Sodoma.

FORTE DI SANTA BARBARA
La fortezza, di dimensioni notevoli e di aspetto imponente, fu eretta nel 1561 su disegno dell’urbinate Baldassarre Lanci per volere di Cosimo I dei Medici, che dopo aver conquistato Siena voleva tenere sotto stretto controllo gli abitanti. Inizialmente la struttura aveva una forma a “L”, venne poi modificata nella forma quadrata ed è caratterizzata da profondi bastioni angolari. La fortezza fu smilitarizzata alla fine del Settecento; dal 1937 l’esterno è stato trasformato in giardino pubblico dal quale si può ammirare uno splendido panorama sulla città e sulle colline che la circondano. All’interno, oggi è sede di mostre temporanee, ed ospita sia l’Enoteca Italiana nei sotterranei sia l’associazione Siena Jazz.

IL PALIO DI SIENA
Il Palio è una complessa e magnifica manifestazione in cui vive lo spirito autentico della città di Siena. È organizzata due volte all’anno: il 2 luglio (Palio di Provenzano) e il 16 agosto (Palio dell’Assunta) e dura 4 giorni.
Il cuore della festa è la corsa di cavalli in Piazza del Campo durante la quale si sfidano 10 delle 17 contrade in cui è suddivisa la città. L’assegnazione dei cavalli alle contrade avviene la mattina del 29 giugno per il Palio di luglio e del 13 agosto per quello di agosto: è la Tratta, il primo appuntamento di un evento che coinvolge l’intera popolazione. La corsa o Carriera è preceduta da sei corse di prova.
Prima della corsa vera e propria, c’è la sfilata del Corteo Storico, una solenne coreografia civica, storica e trionfale in costumi d’epoca, che ricorda le istituzioni e la grandezza dell’antica Repubblica Senese. Il punto centrale del corteo è il passaggio del carroccio, sul quale è il Palio, drappellone di seta dipinta, premio della corsa, realizzato ogni anno da un artista selezionato dal Comune. La corsa consiste in tre giri di Piazza del Campo, su una pista di tufo tracciata nell’anello più esterno. Vince la contrada il cui cavallo, con o senza fantino, arriva primo al termine dei tre giri.

INFORMAZIONI PER IL TURISTA
Torre del Mangia
Orari: 16/10 28/02 (invernale): feriali e festivi 10.00-16.00 (chiusura biglietteria ore 15.15) 01/03 - 15/10 (estivo): feriali e festivi 10.00-19.00 (chiusura biglietteria ore 18.15). Natale: Torre chiusa; Capodanno: 12.00-16.00 (chiusura biglietteria ore 15.15)
Museo Civico - Palazzo Comunale
Orari: 01/11-15/03 10.00-18.00 (chiusura biglietteria ore 17.15) 16/03 - 31/10 10.00-19.00 (chiusura biglietteria ore 18.15). Natale: Museo chiuso; Capodanno: 12.00-18.00
Complesso Museale di S. Maria della Scala
Biglietteria tel. 0577.534571. Orario: 16 ottobre-16 marzo tutti i giorni 10.30-16.30 (chiusura biglietteria ore 15.30); 17 marzo-15 ottobre tutti i giorni 10.30-18.30 (chiusura biglietteria ore 17.30)
Cattedrale, Museo dell’Opera, Cripta, Battistero
Piazza del Duomo - Tel. 0577.286300. Orari: 1 marzo-2 novembre 10.30-19.00; 3 novembre-28 febbraio 10.30-17.30; 26 dicembre-6 gennaio 10.30-19.00
Oratorio San Bernardino e Museo Diocesano Arte Sacra
Piazza di San Francesco - Tel. 0577.283048. Orari: 1 marzo-2 novembre 13.30-19.00; 3 novembre-28 febbraio solo su prenotazione; 26 dicembre-6 gennaio 13.30-19.00

NUMERI UTILI
NUMERI DI PUBBLICA UTILITÀ
Polizia municipale 0577.292550
Questura/Prefettura 0577.201111
Carabinieri 112
Vigili del Fuoco 115
Polizia di Stato Pronto Intervento 113
Aci (soccorso stradale) 116
Ambulanza e Guardia medica 118
Comune di Siena 0577.292111
Urp (Ufficio Relazioni con il pubblico del Comune di Siena) 0577.292230/2340

COME MUOVERSI
Aereo - Aeroporto di Ampugnano (Siena) 0577.392226-238
Auto - Siena Parcheggi 0577.228711
Treno - Call center Trenitalia 892021; Assistenza Clienti Ferrovie dello Stato 055.2356120
Autobus - Train (trasporti urbani e extraurbani) 0577.204111; Sena Autolinee 0577.247934-283203; Numero verde 8009309
Taxi - Radiotaxi 0577.49222

EMERGENZA SANITARIA
Pronto Intervento - Ambulanza e Guardia Medica 118
Pronto Soccorso - Policlinico S. Maria alle Scotte 0577.585807

SERVIZI PRENOTAZIONE, SOGGIORNI, VISITE E ESCURSIONI
APT (Informazioni e servizi turistici) 0577.280551
Treno Natura 0577.207413; 338.8992577
Associazione Guide Turistiche 0577.43273
Centro Servizio prenotazioni musei e teatri 0577.41169
Amici della Bicicletta 0577.45159

PARKING
Siena Parcheggi 0577.228711
 

Scegli tra gli agriturismi in Toscana