La Torciata di San Giuseppe a Pitigliano

Inserito il: 12/03/2012

Regione: Toscana

A chi ama le tradizioni e le feste popolari ed è alla ricerca di un’occasione propizia per un weekend in agriturismo tra borghi e natura, la festa di San Giuseppe il 19 marzo offre molte spunti in diverse regioni d’Italia.

Ad esempio, a Pitigliano, nel cuore della Maremma, la notte di San Giuseppe si rievoca un’antica cerimonia pagana: un falò purificatore propizia l’arrivo della nuova stagione.
Il rito, che fin dall’epoca etrusca veniva compiuto in corrispondenza dell’equinozio di primavera, è stato poi cristianizzato, come per molti altri riti pagani, e accostato durante il Medioevo alla festività di San Giuseppe.
La "torciata" inizia con un corteo storico con sbandieratori e fiaccolate fino alla sera quando tre squilli di tromba danno il via alla marcia dei quaranta torciatori che partono dal Cavone di San Giuseppe, a valle del paese, lungo il fiume Meleta, portando in spalla ognuno un fascio di canne fiammeggianti e seguendo la statua di San Giuseppe, anch’essa portata in spalla da due uomini.
Intanto, nella piazza del Comune sorge l’“Invernacciu”, un grande pupazzo di canne che simboleggia l’inverno che sta morendo: quando giungono in piazza, i torciatori accendono l’Invernacciu, dando vita al grande falò.

Italia Agritur offre una vasta selezione di agriturismi in Maremma: scegli quello ideale per trascorrere una breve vacanza di primavera a Pitigliano e nell’intera provincia di Grosseto!


Scegli tra gli agriturismi in Toscana