L'agriturismo diventa un centro benessere

Aggiornato il: 05/04/2011

L'agriturismo si trasforma in una vera "oasi del benessere", grazie all'iniziativa che si chiama proprio in questo modo, nata dall'accordo tra Turismo Verde (associazione agrituristica della CIA, Confederazione Italiana Agricoltori), e Unisalute (compagnia di UNIPOL specializzata in assistenza sanitaria). Il programma prevede che gli assicurati con Unisalute possano usufruire di condizioni agevolate nei soggiorni presso gli agriturismi, che aderiscono all'iniziativa, selezionati da Turismo Verde nelle vicinanze di centri termali e beauty farm.

L'obiettivo è promuovere e favorire la salute e il benessere valorizzando le attività delle aziende agrituristiche. Un accordo del genere assume una particolare importanza soprattutto in una fase in cui le aziende agrituristiche diversificano l’offerta e puntano con sempre maggiore decisione sulla qualità e sui servizi. Un’intesa, quindi, che può offrire altre significative opportunità per le persone che scelgono di soggiornare negli agriturismi italiani e che potrebbe favorire la ripresa in atto e contribuire al ritorno dei turisti stranieri, molto attenti alla salute e al benessere, come del resto gli italiani che sempre più indirizzano il loro periodo di relax verso scelte salutistiche.

Nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto "Oasi di Benessere", Turismo Verde ha anche diffuso i dati di una propria indagine, che ha tracciato l'identikit delle persone che frequentano gli agriturismi: hanno un’età compresa fra i 30 e i 45 anni, un reddito medio-alto e un livello culturale medio; amano la natura e i piatti tipici e trascorrono le vacanze con la propria famiglia. Il "popolo" degli agrituristi è aumentato negli ultimi 10 anni di circa il 70 per cento.

L’ospite dell’agriturismo, secondo l’indagine, predilige i soggiorni ad agosto (76,4%) o durante le vacanze di Pasqua (70,4%) e sceglie la struttura ricettiva attraverso internet o con il passaparola. La scelta di un soggiorno rurale sembra essere dettata principalmente dal desiderio di tranquillità, di contatto con l’ambiente e con il paesaggio, dalla ricerca di prodotti genuini legati alla tradizione italiana, ma anche dal rapporto familiare e intimo che si instaura con i gestori dell’agriturismo. Le mete predilette rimangono quelle dell’Italia centrale, in particolare le località vicine a città d’arte, ad attrattive culturali o a terme.

Amante della tranquillità rurale e dei buoni cibi genuini è anche il turista straniero, che ama come gli italiani le città d'arte e quelle termali specie dell'Italia centrale e predilige inoltre le passeggiate a cavallo e fa molta attenzione alla presenza di piscine, alla buona cucina e soprattutto all’ospitalità genuina.