Cani: benvenuti negli agriturismi

Aggiornato il: 05/04/2011

I cani e gli altri animali domestici sono i benvenuti nella maggior parte degli agriturismi italiani: secondo una recente indagine pare che il 68% delle strutture agrituristiche accolga senza problemi i piccoli amici a quattro zampe, facilitando in questo modo le vacanze dei loro padroni. Le regioni più ospitali nei confronti dei quattro zampe sono la Liguria seguita a breve distanza dalle Marche e dall’Emilia Romagna; fanalino di coda della classifica il Molise.

Durante il periodo estivo può diventare difficoltoso per i proprietari di cani e gatti trovare una struttura ricettiva dove al proprio animaletto sia consentito entrare e l'alternativa - lasciare il cucciolo da amici, parenti o in pensioni specializzate - può essere ancora più problematico. Una buona notizia, dunque, per i sei milioni di cani e altrettanti gatti che, secondo il Rapporto Italia di Eurispes (2008), vivono nelle nostre case.

Una vacanza in agriturismo, anche da questo punto di vista, si rivela vincente e del resto un soggiorno che invita a riscoprire la natura e i suoi ritmi non può che essere ospitale con i migliori amici dell'uomo. Naturalmente, ci sono delle piccole regole da rispettare: l'animale deve essere educato, non deve disturbare gli altri ospiti e deve essere sorvegliato dal proprietario e portato al guinzaglio negli spazi comuni come il ristoro.

Sul portale Italia Agritur trovate moltissime proposte di aziende che aprono le porte a cani e gatti: quasi 600 strutture.