A Natale previsto boom dell’agriturismo

Aggiornato il: 05/04/2011

La crisi economica non pare colpire gli agriturismi. Il settore ha retto finora all’urto delle difficoltà che hanno colpito le famiglie italiane e in generale ha mantenuto i livelli di presenze e di fatturato dello scorso anno. In alcuni casi ha visto addirittura crescere la domanda, soprattutto in regioni come la Puglia e La Sicilia. I dati sono diffusi da Turismo Verde, l’associazione agrituristica della CIA (Confederazione Italiana Agricoltori). L’associazione dei consumatori Adoc rafforza questa tendenza segnalando che, secondo una ricerca condotta attraverso un sondaggio a campione sulle previsioni di vacanze degli italiani durante le feste natalizie, si registra un boom per le stazioni termali e gli agriturismi. Questi luoghi dedicati al benessere e al relax sono risultati la meta preferita da circa l’8% dei vacanzieri.

Il motivo di tale scelta è facilmente intuibile: le persone vogliono trascorrere almeno qualche giorno lontani dallo stress e dai problemi quotidiani, rifugiandosi nella natura e spendendo nello stesso tempo cifre non proibitive.

Gli agriturismi, dal canto loro, si stanno sempre specializzando in un’offerta di servizi variegati e attenti alle esigenze dei clienti: attività sportive, escursioni, corsi, degustazioni enogastronomiche, eventi culturali, accoglienza di qualità. Per chi vuole staccare la spina, quindi, e riscoprire le tradizioni popolari delle varie regioni italiane, un soggiorno in agriturismo può rivelarsi la scelta migliore.